1-1-e1669908198824-png
Perché il settore della moda e dell'abbigliamento è uno dei più in rapida crescita in Portogallo negli ultimi tempi?

Perché il settore della moda e dell'abbigliamento è uno dei più in rapida crescita in Portogallo negli ultimi tempi?

Il 19 marzo 2022 è iniziata a Matosinhos, cittadina costiera vicino a Porto, la mostra “Portugal Pop – A Moda em Português 1970-2020”. Per sei mesi, lo scopo di questo evento è raccontare l'evoluzione della moda dell'abbigliamento in Portogallo negli ultimi cinquant'anni. Un'iniziativa che vuole mostrare come si è evoluto il Paese in questo periodo.

C'è da dire che tra il 1970 e il 2020 il Portogallo ha attraversato alcuni grandi sconvolgimenti politici: la caduta della dittatura nel 1974, l'ingresso nell'Unione Europea nel 1986 e la crescita economica dopo l'apertura del Paese. Quest'ultimo sviluppo non è estraneo al rinnovato interesse per la moda e l'abbigliamento in Portogallo osservato negli ultimi anni.

Un migliore tenore di vita

In effetti, il modello economico portoghese si è evoluto e oggi i cittadini vedono migliorare quotidianamente le proprie condizioni di vita grazie a un migliore potere d'acquisto. I cambiamenti nella società sono evidenti e causano nuovi modi di consumare. L'abbigliamento diventa allora una preoccupazione molto più importante, tanto più che le scelte per i consumatori si moltiplicano: convinti della possibilità di assestamento grazie al generale innalzamento del tenore di vita, i brand di prêt-à-porter arrivano massicciamente in Portogallo.

Pertanto, gli uomini seguono le stesse mode o tendenze, sia che vivano a Lisbona, a Porto o in un villaggio di campagna. Apprezzano le nuove collezioni e non esitano a rivolgersi a marchi famosi quando cercano un pantalon, come GAP, specialista in abbigliamento maschile. Pantaloni chino, pantaloni cargo, jogging... I portoghesi amano seguire le tendenze e generalmente sono molto preoccupati per il loro look per apparire ben vestito ed elegante.

Sempre più stranieri vengono in Portogallo

Appartenendo a una società in cui alla gente piace compiacere, i portoghesi vogliono coltivare un'immagine sexy. Tanto più quando si tratta di esportare questa immagine o di usarla come vetrina quando gli stranieri visitano il Portogallo. Dagli anni 2010, il Portogallo attrae tanti turisti e telelavoratori. Lisbona, ad esempio, è regolarmente citata tra le principali destinazioni europee da visitare per un lungo weekend o per stabilirsi come nomade digitale. Questa internazionalizzazione aiuta anche lo sviluppo del settore dell'abbigliamento: influenzati da tutte le mode europee, i portoghesi vogliono seguire il movimento e rimanere in contatto.

Moda e design in pieno svolgimento in Portogallo

Inoltre, ci sono sempre più stilisti in Portogallo: Porto, ad esempio, sta diventando una roccaforte del fashion design ed è sede di alcune delle scuole di moda più rinomate d'Europa. L'headliner è rimasta a lungo Fatima Lopes, modella e stilista dell'isola di Madeira. Nota al grande pubblico per aver creato negli anni 2000 il bikini più costoso del mondo (circa un milione di euro) in oro e diamanti, da allora ha formato nuove generazioni di stilisti.

Inoltre, è interessante sottolineare che ormai da alcuni anni il Portogallo si è affermato come a roccaforte della manifattura tessile in Europa. Elogiando il suo made in Portugal, il paese vuole promuovere un consumo di abbigliamento etico ed europeo. Un modo per promuovere, anche in questo caso, il settore dell'abbigliamento e metterlo al centro delle preoccupazioni.

Articoli recenti